Domus de Janas, le antiche tombe scavate nella roccia

Sono delle strutture sepolcrali e consistono in tombe scavate nella roccia. Sono estremamente diffuse nel Mediterraneo ed in special modo in Sardegna. Il termine significa case delle fate o delle streghe ma sono chiamate in sardo anche con il nome di forrus o forreddus. Spesso sono collegate tra loro a formare delle vere e proprie necropoli sotterranee, fino a raggiungere le quaranta tombe, con in comune un corridoio d’accesso ed un’anticamera. Questa può essere assai spaziosa e dal soffitto alto. Ne sono state ritrovate più di 2.400 sparse su tutta l’isola, ma molte rimangono ancora da scavare. Gli archeologi sostengono che siano state costruite tra il IV ed il III millennio a.C. Furono molto utilizzate entro la cultura chiamata di Ozieri. E pare siano frutto di un popolo molto laborioso e pacifico, sicuramente venuto dal mare, dedito all’agricoltura e non ancora alla pastorizia, con una particolare religione importata dal luogo di provenienza. Sembra adorassero il Sole e il Toro, simboli della forza maschile, la Luna e la Madre Mediterranea, simboli della fertilità femminile. Statuine stilizzate della Dea Madre sono state spesso ritrovate in queste sepolture e nei luoghi di culto. Groticelle scavate sulla roccia, le une vicine alle altre, tanto da ricreare una vera e propria necropoli, e seppure sono presenti in tutto il Mediterraneo, acquistano un valore di unicità in Sardegna, viste le preziose ed accurate lavorazioni presenti al loro interno, e la ricreazione di un ambiente in tutto e per tutto similare alle dimore dei vivi, ma su scala ridotta. Questo ci consente di avere un’idea di cosa dovessero essere le case dei sardi cinquemila anni fa. I corpi dei defunti venivano posti in posizione fetale, dopo, essere stati dipinti di rosso, e li si faceva accompagnare dagli oggetti che furono di loro proprietà in vita, in quanto è probabile che queste genti immaginassero una continuazione della vita, dopo la morte; ed ecco il senso dell’ocra rossa, simbolo di sangue e dunque di rigenerazione. E’ inoltre probabile che le popolazioni in questione praticassero la scarnificazione prima della deposizione in tomba.

Ecco alcuni dei siti più importanti:

•    Domus de Janas di Sedini a Sedini(la piu’ grande della Sardegna)

•    Domus de Janas Anghelu Ruju ad Alghero

•    Domus de Janas Filigosa a Macomer

•    Domus de Janas Grugos a Busachi

•    Domus de Janas Corongiu ‘e s’Acqua Salida a Pimentel

•    Domus de Janas Prunittu a Sorradile

•    Domus de Janas Genna Salixi a Ruinas

•    Domus de Janas Mandra Antine a Thiesi

•    Domus de Janas Mesu ‘e Montes ad Ossi

•    Domus de Janas Montessu a Villaperuccio

•    Domus de Janas Sas Concas ad Oniferi

•    Domus de Janas Sos Furrighesos ad Anela

•    Domus de Janas Su Crocifissu Mannu a Porto Torres

•    Domus de Janas Sant’Andrea Prius ad Bonorva

•    Domus de Janas Brodu ad Oniferi

•    Domus de Janas Pani Loriga a Santadi

•    Domus de Janas sa Figu a Ittiri

Share this...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Rate and write a review

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *